Brazil - Capolavoro

Film del 1985, diretto da Terry Gilliam. Il protagonista è Sam Lowry (Jonathan Pryce), un remissivo impiegato del Ministero dell'Informazione, sognatore intrappolato in un sistema da incubo; in un piccolo ruolo, Robert De Niro, nei panni di un idraulico, “libero professionista sovversivo”. 20:49, da qualche parte, nel 20° secolo, una bomba fa esplodere la vetrina di un negozio di TV, uno degli schermi sopravvive, e attraverso di esso, apprendiamo che la causa è la “mancata sportività” dei terroristi, incapaci di comprendere, che in una “società libera”, l’informazione deve penetrare dovunque! Le case sono invase da tubi e cavi elettrici, la burocrazia prevale sui sentimenti, e il sospetto genera fiducia(!?), a scapito dell’amore. Un mondo dominato da un’estetica televisiva e dall’apparire (le grottesche ed estreme plastiche facciali), in cui una strage di corpi, si nasconde dietro un paravento, per non disturbare una cena al ristorante, e gli schermi dei computer sono dei vetri che deformano l’immagine dell’essere umano….



Un’umanità stordita, che ha perduto l’innocenza, schiacciata dal consumismo, in cui i bambini per regalo di Natale, vogliono la carta di credito, e persino la strada per fuggire, è costeggiata di soli cartelloni pubblicitari. Come nei film di Fellini, la visione plasma la forma immagine e si fonde col surreale, e alternando mesto e comico, sorprende lo spettatore. Opera di deflagrante creatività, dal forte impatto visivo, che crea un universo originale dominato da un uniforme grigiore, critica palese a ciò che oggi chiamiamo globalizzazione. Quando la fantascienza diventa realtà. Attualissimo.

Citazioni: i fratelli Marx, Casablanca, e nella fragorosa sparatoria finale, sulle scale del Ministero, l’inquadratura della fila di poliziotti, il primo piano sull’occhio di una donna, ricordano la famosa scena de “La corazzata Potëmkin” di Sergej Ejzenštejn, a differenza della carrozzina qui però cade un aspirapolvere

Commenti

  1. Concordo con la tua recensione! Film assolutamente da non perdere...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione