Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

The Wolf of Wall Street - Recensione

Immagine
Anni ’80. Jordan Belfort (Leonardo DiCaprio), ex broker apprendista di Wall Street, si ritrova disoccupato dopo il lunedì nero delle Borsa, il 19 ottobre 1987. Partendo da un garage e cinque amici fonda la Stratton Oakmont, società che propone fondi d’investimento, ma soprattutto si dedica a corruzione, droga, orge e lancio di nani… Il capitalismo non è mai stato così seducente, difficile sopravvivergli. Il denaro è l’unico dio sovrano e genera dipendenze, come un virus che aggredisce il “sistema umanitario” dell’Occidente, e fa sputare disvalori.

Tutta sua madre - Recensione

Immagine
E’ la storia di Guillaume, adolescente francese cresciuto all’ombra di una figura materna dominante e possessiva, che lui adora e imita…Tutta la famiglia pensa sia gay, e lo tratta di conseguenza, ma qual é la sua vera identità sessuale? Opera prima, diretta, scritta, interpretata e prodotta da Guillaume Gallienne e tratta dalla sua autobiografica pièce teatrale. Grande successo in Francia per questa sofisticata commedia, politicamente scorretta, che alterna momenti surreali, a brevi riprese in teatro in cui l’attore recita il suo monologo.

Blancanieves - Recensione

Immagine
Tratto molto liberamente dalla nota favola dei fratelli Grimm, è una produzione spagnola del 2012, e un film muto e in bianco e nero diretto da Pablo Berger. Ambientato in Andalusia nella seconda decade del ‘900, racconta la storia di Carmen, figlia dell’ex torero Antonio Villalta, ora ridotto in sedia a rotelle e alla mercé della nuova moglie, la sadica Encarna. Carmen rischia di essere uccisa nel bosco dall’amante della matrigna, ma sarà salvata da sette nani toreri, che l’aiuteranno a realizzare i suoi sogni, fino all’arrivo di una mela avvelenata (of course)…

Nebraska - Recensione

Immagine
Woody (un magistrale Bruce Dern) è un anziano scorbutico del Montana, convinto di aver vinto un milione di dollari che dovrebbe ritirare in Nebraska. In famiglia tentano di convincerlo che si tratta di una semplice pubblicità ingannevole, ma né la cinica e volgare moglie Kate (June Squibb) né la prole, lo persuadono. Pur di farlo desistere, il figlio David (Will Forte) decide di portarlo in auto; sarà il pretesto ideale per un classico road movie nel profondo dell'America più rurale, sbranata da ignoranza e crisi economica.

Il capitale umano - Recensione

Immagine
Brianza. Giovanni Bernaschi (Fabrizio Gifuni), finanziere di successo, e l’immobiliarista Dino (Fabrizio Bentivoglio), si conoscono grazie all’amicizia dei rispettivi figli adolescenti. Un misterioso incidente stradale sconvolge però la vita di entrambe le famiglie; principale indiziato è il rampollo viziato di casa Bernaschi, che guida un rombante suv camouflage (Lapo docet). Il film è suddiviso in tre capitoli che illustrano la vicenda attraverso i punti di vista di tre diversi protagonisti, sviscerando così la trama gialla. Paolo Virzì va oltre i consueti toni da commedia agrodolce sin qui privilegiati, confrontandosi con una struttura solo drammaturgica di più ampio respiro.

American Hustle - Recensione

Immagine
Fine anni '70. Irving Rosenfeld (Christian Bale) è un truffatore sposato con la svampita e volgare Rosalyn (Jennifer Lawrence), che si mette in società con la sua amante Sidney (Amy Adams). Scoperti dall'ambizioso agente FBI Richie DiMaso (Bradley Cooper) vengono costretti a collaborare per incastrare malavitosi e politici, tra questi il sindaco Carmine Polito (Jeremy Renner). Dopo il successo di critica e pubblico di “Il lato positivo” (qui recensione) ritorna lo stesso team artistico, che riesce a ricreare il medesimo magico equilibrio fra tragedia e commedia.

Capitan Harlock - Recensione

Immagine
2977. Il ribelle Capitan Harlock e la sua truppa solcano lo spazio con la nave Arcadia, il loro obiettivo è riportare gli umani sulla Terra dichiarata santuario invalicabile dalla coalizione Gaia, che tenta in tutti i modi di eliminare il pirata. Tra gli avversari, il giovane Logan, che affascinato dagli ideali di Harlock, passerà al nemico, combattendo anche il fratello Ezra, ufficiale della potente Gaia. La più costosa produzione della Toei Animation lascia sbalorditi per la forza strabiliante della componente visiva: il fotorealismo dei personaggi, i dettagli scenografici e l'immersività di un ottimo 3D lo rendono una gioia per gli occhi. Ma, ahimè, il cinema non è solo forma, e deve essere anche sostanza (leggi sceneggiatura), e qui sta il problema.

I sogni segreti di Walter Mitty - Recensione

Immagine
Film tratto da un racconto breve, apparso nel 1939 sul settimanale “The New Yorker”. Trasportato ai giorni nostri, diventa la storia di Walter (Ben Stiller), photo editor della rivista “LIFE”, destinata purtroppo a chiudere, per trasformarsi in web magazine. Walter, impiegato e single insicuro, conduce una vita noiosa e monotona, che lui rende speciale solo quando sogna ad occhi aperti, momenti di evasione che il regista rende spassosi attraverso sequenze surreali.