Taxi Teheran - Recensione



Iran. Un giorno in giro per Teheran sul taxi guidato dal regista Jafar Panahi, con i suoi eterogenei passeggeri che offrono gli spunti per un’analisi della società iraniana, e dei suoi anelli deboli: l’uguaglianza dei sessi, la dittatura, la pena capitale, la “giustizia”. Panahi, dopo il suo arresto nel 2010 per propaganda anti-islamica, con il divieto di realizzare film per vent'anni, continua a sfidare la censura, cercando ogni volta di eluderne le strette maglie. Una microcamera nascosta garantisce sicurezza e la pluralità di punti di vista, e il taxi diventa un non-luogo di transizione, ideale per far implodere una palpabile tensione metaforica, le contraddizioni di un paese, e il desiderio di un cambiamento sociale che garantisca maggiori diritti civili. Le due lunghe sequenze in soggettiva, che aprono e chiudono la pellicola, reclamano sguardo e attenzione dello spettatore, chiamato a una visione pro-attiva. Orso d'oro 2015 a Berlino. TT è stato girato in 15 giorni con la partecipazione dei veri amici e parenti del regista, e offre dinamiche e potenti riflessioni sul potere dell’immagine.

In un presente sempre più tecnologico, in cui anche una bambina con uno smartphone o tablet o fotocamera digitale, ha già gli strumenti necessari per girare un suo film, come può il regime continuare a voler nascondere la realtà da lui stesso creata? Un lungometraggio “proibito”, condannato dal paese d’origine, considerato non distribuibile, e per questo indegno di avere i titoli di coda: no credits! Puro cinema che parla di cinema, con (auto)citazioni, ma anche della “funzione” della pirateria multimediale, che in quel contesto estremo assume addirittura un valore culturale. La visuale del pubblico, quando gli occupanti dell'auto usciranno, perderà la sua funzione, e sarà distrutta; ma rimane la memory-card…L'augurio del cineasta iraniano, artista clandestino per esigenza, è che il pubblico custodisca la preziosa visione di quest'opera nella sua memoria, e comprenda l’importanza di essere liberi. Quando l’arte è vita. VOTO 8  TRAILER


Scheda tecnica


titolo originale
 Taxi
genere
drammatico
anno
2015
nazionalità
Iran
cast
Jafar Panahi
regia
Jafar Panahi
durata
82'
sceneggiatura
Jafar Panahi

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione