Il figlio di Saul - Recensione


Ottobre 1944, ad Auschwitz-Birkenau. Saul (Géza Röhrig) è costretto a svolgere il ruolo di Sonderkommando, in pratica fa parte di un gruppo di ebrei obbligati a ripulire le barbarie commesse dai nazisti. Si ritrova così, sospeso, come la sua vita, in una terra di mezzo tra vittime e carnefici, follia e ragione. Un giorno, tra uno dei corpi emersi dalle camere a gas, sembra riconoscere suo figlio. Inizia così una corsa contro il tempo per dare al ragazzo una degna sepoltura, e trovare un rabbino che la onori. Ogni film sulla Shoah, giustamente, alimenta un dibattito sulla rappresentazione dell’orrore. Per il suo debutto, il regista ungherese László Nemes adotta un classico e rigoroso formato 4:3, in pratica un quadrato con gli angoli arrotondati, che ricorda una diapositiva, e fa scattare l’”effetto memoria”. Questo ristretto spazio filmico svolge molteplici funzioni: amplifica il senso di prigionia e oppressione, restituisce uno stile asciutto prossimo al documentario, sottolinea l’alienazione di Saul e risparmia a noi spettatori, lasciandole fuori scena, insostenibili atrocità. A supporto di questa cifra stilistica e morale, c’è un’altra importante scelta formale: annullare la profondità di campo, rendendo sfuocato tutto ciò che circonda il protagonista. 

Alla camera non resta quindi che pedinare quel pover’uomo, e per lo spettatore non c'è tregua: l'intensità è costante, e la visione diventa fisica e sensoriale. In una situazione così estrema Saul non cerca la vita, tanto non sarà più la stessa, e nemmeno la morte, è già morto, allora s’inventa un’affettività per sentirsi ancora un essere umano, che gli restituisca un’identità, anche fittizia, con la quale esprimere l’umanità negata. Nell’ultima mezz’ora, però, è come se la rigida componente visiva prendesse il sopravvento sul contenuto, e il devastante percorso psicologico del protagonista fosse svilito man mano che il racconto procede. La forma espressiva applicata scatena quindi l’eterna lotta tra estetica e contenuto, tra narrazione e immagine. Nemes sembra porre al centro della ricerca artistica il linguaggio; il risultato è originale, ma confonde le coordinate narrative e l'esito di alcuni snodi (la fuga), mentre le scelte di Saul assumono una sinistra ambiguità. Gran Premio della Giuria a Cannes 2015. VOTO 7/8


TRAILER

Scheda tecnica


titolo originale
Saul fia
genere
Drammatico
anno
2015
nazionalità
Ungheria
cast
Géza Röhrig, Levente Molnár, Urs Rechn
regia
László Nemes
durata
107'
sceneggiatura
László Nemes, Clara Royer



Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione