Sopravvissuto - The Martian - Recensione


Il film è ispirato al romanzo “L’uomo di Marte” di Andy Weir e racconta la storia di Mark Watney (un bravo Matt Damon), suo malgrado marziano, che creduto morto dall'equipaggio della sua missione, viene lasciato sul pianeta rosso. Mark, da neo-naufrago, dovrà imparare a sopravvivere in questa nuovo mondo, nella speranza che qualcuno scopra che è ancora vivo. Forte anche di un cast di comprimari zeppo di star (Jessica Chastain), ex star (Jeff Daniels) e aspiranti tali (in questo caso l'elenco sarebbe troppo lungo...), Ridley Scott (Blade Runner, Prometheus) torna nello spazio per tentare di rilanciare una carriera ormai allo sbando. Un film che appartiene a un tipo ben preciso, non il space survivor, come il bel “Gravity”, bensì al genere 50/50, ovvero tutti quei lungometraggi in cui è bella la prima parte e brutta la seconda.
Il regista ci illude per più di un'ora facendoci respirare gli echi epici di una fantascienza matura e umanista, per poi sbatterci in un vacuo mix di azione e humour che rinsalda i peggiori archetipi della più patriottica, tronfia e scontata americanata. Si passa da una sana space opera, perché no, anche con qualche ingenuità scientifica, che dispensa però emozioni e si pone domande essenziali, ma pesanti, al peggior campionario da blockbuster. Inutile dire che la visione perde interesse, per lasciare il posto a inverosimili corse contro il tempo e a molteplici e liberatorie, risate involontarie del pubblico. Spiace per Scott, perché nonostante il livello sia superiore alle sue recenti e appannate produzioni, anche questa volta si esce dal cinema con l'amaro in bocca, quello che lascia un'occasione persa. VOTO: prima parte 7,5, seconda 5, media: 6+  TRAILER


Scheda Tecnica

titolo originale
The Martian
genere
fantascienza, avventura
anno
2015
nazionalità
U.S.A
cast
Matt Damon, Jessica Chastain, Jeff Daniels
regia
Ridley Scott
durata
141'
sceneggiatura
Drew Goddard

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione