Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce 1080 Bruxelles - Capolavoro


Film francese del 1975, sperimentale e femminista, scritto e diretto dalla regista belga Chantal Akerman. In 3 ore e 21 minuti (!), l’artista mette in scena, con sofisticato rigore formale,  l’epica del quotidiano tra le quattro mura di casa. La protagonista (Delphine Seyrig) è una donna vedova che è anche madre, casalinga e prostituta. Tre giorni, in cui il ritmo della vita scorre lento ma implacabile, tra patate da pelare, figli da sfamare e uomini da soddisfare. L’immersione dello spettatore è totale, e quella che sembra essere un’ipnotica maratona visiva diventa un’impressionante ed estrema esperienza cinematografica. Il pubblico è costretto a guardare l’inesorabile progressione di un’esistenza noiosa e senza speranza, la cui disciplinata routine, scandita da rumori e gesti meccanici, disegna in maniera mirabile il ritratto di una repressione femminile che porta a una graduale distruzione emotiva.

Si diventa impotenti voyeur, incapaci di empatizzare con Jeanne, perché tenuti a debita distanza da inquadrature e grandangoli che la riprendono lontana o comunque centrale, ma con un oggetto (tavolo, letto, porta) che si frappone fra noi e lei. Quando si avvicina troppo alla camera, invece, viene ripreso solo il corpo, e non la testa…Certo il contesto storico in cui si colloca l’opera è ben diverso da quello di oggi, ma ciò non toglie, che la schiavitù delle donne abbia assunto altre forme, ben più diaboliche e invisibili. Un’opera orgogliosamente politica, che va oltre l’impegno sociale, e nonostante i pochi dialoghi, comunica un messaggio potente e universale, sul ruolo di genere e sulle aspettative di ognuno di noi, uomini compresi. Un film come nessun altro, che si è ritagliato un significativo spazio nella storia del Cinema.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione