Logan - The Wolverine - Recensione

Siamo nel 2029, e gli X-Men si sono estinti. Gli unici sopravvissuti sono Wolverine (Hugh Jackman), che fa l’autista di limousine, e il Professor X (Patrick Stewart) ormai vecchio e malato. Un giorno Logan conosce Laura, una bambina con dei poteri simili ai suoi, che scoprirà essere frutto di un progetto di laboratorio dedito a creare una nuova razza di mutanti sintetici. Dopo diciassette anni dal primo film sugli X-Men, che lanciò la carriera cinematografica di Hugh Jackman, è giunto il momento per l’attore australiano di dire addio al personaggio che l’ha reso celebre. Il film è diretto da James Mangold, già autore del precedente episodio stand-alone dell’uomo dagli artigli di adamantio. Rispetto alla scorsa pellicola, questa nuova puntata si distingue per due importanti elementi, rari nei cinecomics di largo consumo.
La prima caratteristica è racchiusa nel titolo, quel nome proprio che identifica una persona, la sua unicità ma anche le sue debolezze. “Logan” espone il privato, poco super, di un eroe senza tuta e pubblico, che si mostra in tutte le sue fragilità.  La seconda componente è suggerita dal (giusto) divieto ai minori di 14 anni. E’ un’opera cruda, dall’esplicita violenza visiva. Tra teste mozzate che rotolano, e pezzi di corpi che volano, non mancano momenti gore e splatter. Questa brutale virata di stile aggiunge realismo a un plot esistenzialista sui generis, ma toglie pathos al definitivo (?) commiato. Un film viscerale, dalle atmosfere crepuscolari e mortifere, che segna un congedo artistico e il passaggio di testimone a una nuova generazione di supereroi. Un western futurista, con tanto di tematica citazione cinefila, e duello finale deciso da una sola pallottola. VOTO 6+  TRAILER


Scheda tecnica
titolo originale Logan
genere  avventura, azione, drammatico, fantascienza, thriller
anno 2017
nazionalità Stati Uniti d'America
cast Hugh Jackman, Patrick Stewart, Richard E. Grant
regia  James Mangold
durata 138'
sceneggiatura Michael Green, Scott Frank, James Mangold

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione