Vi presento Toni Erdmann - Recensione


Winfried è un anziano in pensione con l’hobby di far scherzi. Alla morte del suo amato cane raggiunge a Bucarest la figlia Ines. La donna è una cinica manager in carriera che si occupa di outsourcing, in pratica di licenziare persone. Il padre, con parrucca posticcia e dentiera finta, si trasforma allora nel life coach Toni Erdmann, pronto a dispensar leggerezza e umanità. Partendo da una crisi dei rapporti famigliari, la storia diviene una consensuale terapia di coppia tra padre e figlia; obiettivo: recuperare l’empatia smarrita. Il farsesco personaggio del titolo svela così la falsità di un mondo sempre più povero d’ideali, fino ad assumere la forma di un peloso e monolitico totem, e far riscoprire tutta l’ingombrante essenzialità dei sentimenti. Una commedia primordiale e folle, che esplode in improvvise gag dolceamare. La regista tedesca Maren Ade elabora situazioni surreali e spassose. Il creativo script fa a pezzi ogni schema narrativo e di genere, con continui e imprevedibili cambi di tono e registro che spiazzano e si burlano delle convenzioni.

La stessa durata (162 min.) va controcorrente, fregandosene delle regole, e obbligando lo spettatore a prendersi quel tempo di qualità che manca ai protagonisti. La messinscena è, invece, volutamente scarna, per fotografare una società ormai vuota e senza identità. Si noti, inoltre, la contrapposta fisicità dei due bravissimi protagonisti, lei piccola, minuta e algida, lui grande, grosso e sempre allegro. L’artificio della maschera permetterà di guardare il mondo da un altro punto di vista, e di operare una catartica ricerca della verità attraverso la finzione. Così si scoprono rapporti sociali opportunisti che nascondono la sopraffazione in cambio di un’illusione (il pasticcino), ma la forza della memoria condivisa (Whitney Houston) metterà a nudo il potere (l’esilarante naked party). Toni Erdmann è un’opera unica e anarchica, che si burla del liberismo economico, attraverso l’assoluta libertà di espressione artistica. Una vera rarità. VOTO 8,5  TRAILER



Scheda tecnica
titolo originale Toni Erdmann
genere  commedia, drammatico
anno 2016
nazionalità Germania, Austria
cast Peter Simonischek, Sandra Hüller, Lucy Russell
regia    Maren Ade
durata 162'
sceneggiatura Maren Ade

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione