Ghost in the Shell (1995) - Capolavoro




Nel 2029 l’essere vivente è confinato in appartamenti-cella nei quali fatica a trovare una dimensione umana, come simboleggiato da un'ombra chiusa in una stretta fessura di luce. Per comunicare basta un piccolo innesto al cervello umano che, collegato nel cyberspazio, condivide i pensieri di tutti. In questo futuro, il crimine è rappresentato da hacker che entrano nella mente delle persone per fargli compiere reati, come il nuovo e misterioso villain "Burattinaio". A combattere questi crimini c’è la Sezione 9 della polizia capitanata dal Maggiore Motoko, un cyborg letale in battaglia ma fragile nella vita, pieno di dubbi esistenziali. Nella squadra, inoltre, il “mezzo-cyborg” Batou e l’umano Togusa. Primo lungometraggio animato che per l’intera durata combina animazione classica e computer grafica. GitS è un perfetto manifesto cyberpunk, un ibrido sospeso tra risvolti filosofici ed etici, transizioni evocative e, addirittura, citazioni bibliche (Prima lettera ai Corinzi 13,8-12). Sin dallo scorrimento di matrici codice orizzontali, che tre anni dopo Matrix riproporrà in verticale, si raffigura come l’informatica influenzi l’evoluzione e viceversa.
Bit e geni umani si mischiano come nei profetici titoli di testa, a separarli rimane solo l’anima (il Ghost) che distingue l’uomo dalla macchina. Rappresentativa, in tal senso, la sequenza in cui Motoko riemerge dall’acqua, e riflette un’altra se stessa sulla superficie, alludendo all’eterno conflitto tra corpo e spirito. Come una vera opera d’arte, ogni fotogramma cela spunti di riflessione e svela un potente lirismo visivo, tanto che alcuni passaggi eguagliano la forza visiva di Blade Runner e Akira. Basti solo pensare all’iniziale incontro tra il diplomatico e l’ingegnere, dove una discesa di spalle in ascensore diventa efficace espressione visiva del declino politico e militare. La prima trasposizione cinematografica di un manga a diventare capolavoro cinematografico. Il merito va a una tecnica notevole che gli ha permesso di superare la prova del tempo, e all’intensa sospensione onirica di quel sogno chiamato Cinema.


Scheda tecnica
titolo originale  Kōkaku Kidōtai
genere  animazione
anno 1995
nazionalità Giappone
regia  Mamoru Oshii
durata 82'
sceneggiatura  Masamune Shirow





Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione