Paterson - Recensione

Paterson (Adam Driver) vive nella placida e omonima cittadina di Paterson, New Jersey. E’ un giovane autista d’autobus con l’hobby della poesia. Insieme all’adorata e volubile moglie Laura e al bulldog Marvin, trascorre le giornate tra stoiche abitudini, regolari coincidenze e interessanti citazioni*. Il film è la soave cronaca di sette giorni nella vita di questa tranquilla famiglia. Unico elemento di “disturbo” l’imprevedibile cane, che costringerà il protagonista a interrogarsi sul suo stile di vita. Paterson compone versi ispirato dalle variazioni minime di un infinito ripetersi, ma anche da un sottile disagio interiore che reclama un senso alla caducità del vivere. Un film, quindi, dal delicato tono minimalista, che cattura il lirismo di una quotidianità in cui tutto scorre seppur immobile. La sceneggiatura semina le basi di qualche probabile tensione narrativa, ma il regista predilige “fissare” i suoi eroi in un loop di reiterate istantanee. L’impassibile P. e la mutevole Laura si completano come il bianco e nero di un vecchio film o dell’arredamento di casa.
Jim Jarmusch è un monumento vivente del cinema indipendente americano, la sua essenziale coerenza estetica si nutre di rituali inquadrature fisse, simboliche dissolvenze in nero e liquide sovrimpressioni che scandiscono sospensioni emotive e raffigurano la quarta dimensione, in altre parole il tempo. Unica perplessità: la forzata pillola di spiritualità Zen del sottofinale è un po’ annacquata. La vita è un cerchio che ogni giorno ci riporta al punto di partenza. In questo romanzo esistenziale c’è però sempre la possibilità di voltare pagina, e di ricominciare da un foglio bianco che solo noi possiamo riempire. Un’opera ricchissima di suggestioni e dettagli, da scoprire in più visioni. Non ci resta che contemplare tutta la disarmante profondità di una vita semplice. VOTO 8   TRAILER

*da Dante Alighieri a Petrarca, fino a Iggy Popp e Lou Costello (Pinotto). Altri riferimenti, i libri di William Carlos Williams e la Questione Sociale di Gaetano Bresci, l’uomo che uccise Umberto I di Savoia.

Scheda tecnica
titolo originale  Paterson
genere  avventura, fantastico, drammatico
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d'America
cast Adam Driver, Golshifteh Farahani, William Jackson Harper, Chasten Harmon
regia  Jim Jarmusch
durata 118'
sceneggiatura Jim Jarmusch

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione