Aquarius - Recensione



La 65enne Clara (Sonia Braga) è una giornalista musicale in pensione che vive a Recife in Brasile. La donna è vedova da anni, è sopravvissuta a un cancro al seno, e abita da sola nel residence Aquarius. Il palazzo anni ’40 con vista mare è abitato solo da lei, gli altri condomini hanno venduto a palazzinari che vogliono cacciarla per costruire un moderno complesso. Clara però non vuole lasciare una casa piena di vinili e ricordi, e gli speculatori non avranno vita facile. Sonia Braga, icona del cinema sudamericano, torna protagonista con uno splendido personaggio femminile. Un’interpretazione maiuscola che dona al film un’anima carne y sangre, con tanto di esplicite scene di sesso. Una donna con le palle: determinata, indipendente e generosa, ma anche “ricca” di umane debolezze; impossibile non amarla. La regia del brasiliano Kleber Mendonça Filho mette in scena gli scontri tra passato e presente, militanza culturale e rampante capitalismo, tra immateriale e materiale.

Quest’ultimo dualismo è ben raffigurato dal valore affettivo che possiedono gli oggetti nell’appartamento di Clara, su tutti un comò che assume valenza di totem famigliare. Non sempre, tuttavia, il registro intimista e la visione politica del cineasta convivono con naturalezza, e qualche snodo di sceneggiatura appare forzato (la spontanea confessione degli operai). Ho trovato, inoltre, didascalico e tronco il finale, che si sofferma su ovvi simbolismi. Rimane nel cuore il meraviglioso ritratto di una Doña (con la D maiuscola) combattente e indomita, che non ha paura di mostrarsi per quello che è, superando tabù e preconcetti. VOTO 7   TRAILER



Scheda tecnica
titolo originale  Aquarius
genere  drammatico
anno 2016
nazionalità Brasile, Francia
cast Sônia Braga, Humberto Carrão
regia  Kleber Mendonça Filho
durata 140'
sceneggiatura Kleber Mendonça Filho


Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione