Amore e inganni - Recensione


Il film è tratto da una giovanile novella epistolare di Jane Austen, è quindi tra i libri meno noti dell’autrice inglese che a cavallo tra ‘700 e ‘800 pubblicò indimenticabili opere neoromantiche. La vicenda è ambientata in Inghilterra nel 1790. La protagonista è Lady Susan (Kate Beckinsale), ancor giovane e piacente vedova disposta a metter in atto ogni strategia per accasarsi e far sposare la sciocca figlia Frederica. Le spietate macchinazioni della determinata nobildonna dovranno vedersela con parenti serpenti, irresistibili cretini e ardimentosi toy boy. L’amabile ipocrisia miete più vittime di un’arma, e la protagonista interpretata da una convincente Beckinsale lo sa bene.
Il regista statunitense Whit Stillman realizza un film corale che racconta con sublime perfidia e soave formalità le diaboliche spire blasé di un’ingannevole socialità. Il cineasta indie possiede uno sguardo acuto che cattura i vizi dell’alta società mettendoli alla berlina. Il risultato è una spassosa satira dai garbati tempi comici, ma soprattutto, una commedia di costume ben scritta. Amore e inganni vanta una sceneggiatura solida, punteggiata da dialoghi forbiti e deliziosi che aggiungono leggerezza e donano un ritmo frivolo e giocoso. Un adorabile divertissement, ideale per una visione intelligente ma rilassata. VOTO 7+  TRAILER



Scheda tecnica
titolo originale Love & Friendship
genere commedia, sentimentale
anno 2016
nazionalità Irlanda, Francia, Paesi Bassi
cast Kate Beckinsale, Chloë Sevigny, Stephen Fry, Xavier Samuel
regia  Whit Stillman
durata 94'
sceneggiatura  Whit Stillman

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione