Oceania - Recensione

Vaiana (in originale Moana) è la figlia del capo villaggio di un’isola sperduta nel Pacifico. Nella placida oasi iniziano, però, a scarseggiare frutta e pesce, e il richiamo dell’Oceano è sempre più forte. La giovane, spinta anche dai racconti leggendari della nonna, partirà per un’istruttiva avventura. Lungo il viaggio incontrerà il tamarro semidio Maui, col quale affronterà i cattivi di turno. I registi Clements e Musker (quelli de La sirenetta e Aladdin) debuttano nell’animazione CGI, ma l’attenzione per l’immagine li distrae dalla storia, e ingabbia la loro creatività in una trama lineare e prevedibile. Oceania possiede un’animazione ipertrofica, ricca di dettagli strepitosi: colori vivaci, fondali rigogliosi, sfondi HD e una profusione di accattivanti animaletti. Confezione Deluxe che, tuttavia, serve per nascondere un riciclo d’idee e situazioni da smaltire nell’ennesimo, fotocopiato, classico Disney
Una ricchezza visiva, quindi, che non corrisponde a una profondità di testo. Troppe canzoni inutili, molta noia, e presto si sprofonda nel mare dell’ovvio. Tanto fumo - negli occhi - e poco arrosto. Si salvano solo alcuni momenti d’animazione a tecnica mista, dove lo stilizzato disegno bidimensionale tatuato sulla pelle, dimostra di aver ben più anima del cugino 3D. Unica felice intuizione linguistica che coglie l’essenza comunicativa dei cartoni animati. Le nuove eroine Disney e il loro femminismo d’accatto hanno ufficialmente stufato. La ricerca di se stesse e della loro (presunta) emancipazione, possiede ormai la finta unicità delle produzioni in serie. Povera Moana (Pozzi), da oggi, ogni volta che in Italia qualcuno cercherà il suo nome su Google, uscirà anche il faccione sbigottito della superflua Vaiana. VOTO 5+  TRAILER

Scheda tecnica
titolo originale  Moana
genere  animazione, avventura, musicale, commedia
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d'America
regia  Ron Clements, John Musker
durata 107'
sceneggiatura Jared Bush

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione