Il servo - CULT


Film in b/n del 1963, tratto da un’opera del drammaturgo Harold Pinter e diretto da Joseph Losey. Trama: il giovane aristocratico inglese Tony (James Fox) assume il maggiordomo Hugo Barrett (Dirk Bogarde), che, inizialmente ubbidiente e remissivo, diventa sempre più invadente, arrogante e ambiguo. Susan, la fidanzata di Tony, intuisce una potenziale minaccia, ma non basterà…Per capire meglio il film è necessario inserirlo nel contesto storico. Siamo nel 1951 e Joseph Losey diventa una delle vittime del maccartismo, autoesiliatosi in Inghilterra, sfoga la sua rabbia verso una upper-class sempre più ottusa, realizzando opere controcorrente che ne denunciano l’ipocrisia e le contraddizioni. “Il servo” è forse il suo lungometraggio più noto, grazie anche alla ricercata messa in scena, ai giochi di luci e ombre che diventano sfumature narrative, e alle inquadrature tanto eleganti quanto claustrofobiche.

L’atmosfera dark e la torbida sensualità di alcune scene, gli fanno guadagnare dalla censura un divieto ai minori di 18 anni, alimentandone da subito la fama di cult movie. Ancor oggi rimane attuale il messaggio di denuncia verso una società decadente e con sempre meno valori, e verso una borghesia “rispettabile” che inquina la ragione e costringe a interpretare dei ruoli, a indossare delle maschere. I due protagonisti, infatti, sono delle tronfie figure di finzione, che però poi svelano una natura umana tanto dissoluta quanto fragile, che per aver potere diventa spietata, e dominante. Da rivedere o recuperare, meglio in Blue-ray.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione