Il regno d'inverno - Recensione


Turchia. Nella regione storica della Cappadocia, famosa per le sue formazioni geologiche, Aydin (Hanuk Bilginer), ex attore, gestisce l’Hotel Othello, insieme alla giovane e infelice moglie Nihal e alla frustrata sorella Necla. L’arrivo dell’inverno, avvolgerà i protagonisti in un manto nevoso e nervoso, e tra spietati dialoghi, e nuove depressioni, dovranno fare i conti con la loro, vera, natura. Il regista turco Nuri Bilge Ceylan, con questo titolo ha vinto la Palma D’Oro a Cannes. La cifra stilistica dell’opera si snoda tra riferimenti letterari (Checov, Shakespeare), e lunghissime e dense conversazioni in un interno, che ne svelano la matrice teatrale, sfidando l’attenzione dello spettatore.
Il film dura ben tre ore e un quarto, e non sempre, il lungo minutaggio risulta necessario, appesantendo la struttura del racconto, che si nutre di molte e intense metafore, ma anche di qualche banalità. Un impegno, a tratti gravoso, che viene ricompensato però da una potente e minuziosa indagine sulla fragilità dei rapporti umani e sulla misteriosa complessità della vita. Tra poetici simbolismi, e universali meditazioni, un cinema esistenziale, che certo richiede una visione tenace, ma che meriterebbe un pubblico più ampio. VOTO 7

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione