Vita di Pi - Recensione

Pi, interpretato dal debuttante Suray Sharma, è un ragazzo indiano, che con la famiglia, proprietaria di uno zoo, decide di emigrare in Canada, con animali al seguito. La nave giapponese su cui viaggiano però affonda, e Pi si ritrova a convivere/condividere scialuppa e oceano con una tigre di nome Richard Parker. Ang Lee traduce per lo schermo l’omonimo best seller di Yann Martel, impresa fino ad oggi considerata impossibile, sia per leggi del cinema (mai insieme bambini, animali e acqua!) che per gli effetti digitali necessari, figuriamoci in 3D. Un progetto, quindi, ambizioso, che, come già in altre sue opere (vedi “La tigre e il dragone”), il regista taiwanese, costruisce su un magico equilibrio tra forma e contenuto, senza dimenticare lo spettacolo.
Il risultato è un ibrido, come il suo protagonista, che rifugge le convenzioni abbracciando più religioni, e mette in discussione regole e ruoli della natura umana e animale. Un film delicato ma sontuoso, che rappresenta una riuscita contaminazione tra filosofie orientali e tecnologie occidentali, condito da dialoghi densi e ricchi di significati. Un’opera completa, che intrattiene creando una magica dimensione, e regala immagini magnifiche, come nel gioco di specchi tra mare e cielo, in cui si riflettono anche corpo e anima. VOTO 7+
 

Commenti

  1. finalmente l'ho visto.mi è piaciuto, molto, e mi ha sorpreso non poco.mi ha lasciato una bella sensazione a fine film, la stessa che ho provato con hugo cabret.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo, un'opera delicata ma non debole, dalle molteplici sfumature, che provoca gioia agli occhi di chi ama il cinema e ha gusto per i dettagli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione