Guardiani della Galassia Vol. 2 - Recensione

Peter Quill alias Star-Lord (Chris Pratt) viene rintracciato da Ego (Kurt Russell), il suo padre alieno, ma cosa vuole ora da lui? E perché ha abbandonato la Terra e sua madre? Ebbene sì, la trama è abbastanza esile, perché rispetto al primo capitolo l’obiettivo è sviluppare l’aspetto relazionale tra i molti personaggi. Il regista James Gunn riprende perciò il rapporto conflittuale tra Gamora (Zoe Saldana) e la sorella Nebula, l’iroso Rocket Raccoon scopre molte similitudini col sempre più blu Yondu, mentre Drax il Distruttore si diverte con la new entry Mantis, confusa aliena dalle empatiche antenne. Sarà che ormai la Disney possiede ogni remunerativo franchise esistente, ma questa nuova avventura dell’improbabile team somiglia più agli originali Star Wars che ai moderni cinecomics Marvel. La ragione sta nel sano gusto dell’avventura spensierata, ma anche in un po’ di folle ingenuità, tutti elementi della saga scritta da Lucas.
Dopotutto, fin dal rissoso incipit, il regista c’invita ad adottare un alternativo punto di vista: quello più leggero e scanzonato. Certo scegliere il cazzeggio come cifra stilistica tout court rende il film divertente, ma può anche nuocere alla credibilità del progetto. Forse il segreto di questo godibile prodotto sta proprio nel non prendersi mai sul serio? A ben guardare qualcosa di spessore c’è. I temi principali sono la famiglia, dopotutto gli amici sono quella che ci si sceglie, e il rapporto padre-figlio. Fra genitori biologici e putativi va in scena l’eterna lotta tra legami di sangue e affettivi. Una ricerca esistenziale verso le proprie origini ribadita dal mantra “IO sono Groot” pronunciato dal baby arbusto. In attesa del colossale cross-over con la continuity di The Avengers, che darà vita all’Extended Universe Infinity War, godetevi le imprese di questa pazza squadra con goliardico spirito fanciullesco. VOTO 6,5  TRAILER


Scheda tecnica
titolo originale Guardians of the Galaxy Vol. 2
genere azione, fantascienza, avventura
anno 2017
nazionalità Stati Uniti d'America
cast Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista, Michael Rooker
regia  James Gunn
durata 136'
sceneggiatura  James Gunn

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione