Jackie - Recensione


E’ il 22 novembre 1963, e un tailleur rosa firmato Chanel viene sporcato di sangue nell’attentato più famoso della storia americana. La first lady Jackie Kennedy (Natalie Portman) si ritroverà schiacciata tra pressioni pubbliche e private che minacciano di oscurare l’immagine di suo marito. Questa gracile donna sarà però protagonista di una repentina mutazione, una risoluta transizione da oggetto a soggetto che la trasformerà nell’icona che tutti conosciamo. Il regista cileno Pablo Larraín adotta uno sguardo oggettivo raffigurato da impeccabili inquadrature simmetriche che mettono in scena la consapevole finzione del potere politico e mediatico, uniti verso una perfetta prospettiva convergente. A incorniciare il dipanarsi della trama, il classico espediente dell’intervista che provoca un perpetuo via vai tra passato e presente. Dopo l’uccisione del marito l’ex signora Kennedy è prontamente messa da parte, ma intuisce che esiste un solo modo per non essere dimenticata, entrare nell’immaginario collettivo.

Sfruttando la sua naturale eleganza, Jackie rincorre dunque un afflato divino. Poco importa se viene subito allontanata dalla Casa Bianca per far posto al presidente lampo Johnson, nessuno si ricorderà della nuova first lady, ma solo di lei. Le suggestioni create dalle distorsioni musicali della concettuale soundtrack di Mica Levi alterano la percezione di un reale che si fa Storia. Va in scena la rappresentazione di un ideale mitologico (Camelot), che pesca a piene mani da un passato superiore (Lincoln) finanche leggendario (Re Artù). Si assiste così alla creazione di un mondo ipocrita costruito sull’apparenza, nel quale la verità diviene sensazione emotiva e di conseguenza assoluta. Un concetto politico modernissimo (post-verità), che Jackie riuscì ad anticipare, con l’uso strumentale di una mondiale copertura mediatica da lei stessa veicolata verso un unico obiettivo: la comunicazione di massa. Un’opera potente, monumentale e attualissima. VOTO 8,5 TRAILER



P.S. 1: Questo nuovo film dell’autore cileno completa una possibile trilogia sul Potere: religioso (Il club), dell’Arte (Neruda), politico (Jackie).
P.S. 2: La protagonista sostiene anche un serrato faccia a faccia con la fede, impreziosito dall’ultimo ruolo interpretato dal compianto John Hurt.



Scheda tecnica
titolo originale Jackie
genere  drammatico, biografico
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d'America, Cile, Francia
cast Natalie Portman, Peter Sarsgaard, Greta Gerwig, Billy Crudup
regia    Pablo Larraín
durata 95'
sceneggiatura Noah Oppenheim

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Blade Runner 2049 - Recensione