La battaglia di Hacksaw Ridge - Recensione

Siamo nel 1942. Desmond Doss (Andrew Garfield) si arruola volontario nell’esercito americano. Il giovane è il primo obiettore di coscienza U.S.A., e la sua incrollabile fede cristiana gli impedisce di toccare qualsiasi arma. Nonostante l’ostilità di commilitoni e superiori, Doss riuscirà a farsi accettare, dimostrando tutto il suo coraggio con atti eroici che salvarono la vita a molti soldati. E’ curioso, come in Silence, il personaggio interpretato con convinzione da Garfield, si ritrovi ancora a far i conti con Dio. Dopo 10 anni, e un privato turbolento, Mel Gibson torna alla regia con un film candidato a 6 premi Oscar, nettamente diviso in due parti. Nella prima metà si racconta la sfera affettiva del protagonista, del rapporto col padre ex militare, violento e alcolizzato, e della love story con la futura moglie Dorothy. La seconda parte, invece, ci catapulta sul campo di battaglia con sequenze dal disturbante realismo, dove il regista non ci risparmia nessun macabro dettaglio.
Si passa così da una trasposizione manieristica – a tratti leziosa - a una ipercinetica. Un vigoroso cambio estetico, che impone uno shock visivo che scuote e cattura. HR è un’opera orgogliosamente vecchio stile, retorica compresa, che inciampa in qualche contraddizione, eppur avvince con innegabile abilità. Il film è tratto da una storia vera, e come ormai consuetudine, vedi Sully, Florence e The founder, non basta più dirlo, ma bisogna mostrarlo. Anche in questo caso, in pre-chiusura, un inserto documentaristico che mostra i veri eroi con tanto di corrispondenti gesta. Una transizione tra finzione e realtà, sempre più invasiva, che impone all’arte il confronto, a favor di cronaca. Caso o tendenza? VOTO 6+   TRAILER

Scheda tecnica
titolo originale  Hacksaw Ridge
genere  biografico, drammatico, storico, guerra
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d'America, Australia
cast Andrew Garfield, Vince Vaughn, Sam Worthington, Hugo Weaving
regia  Mel Gibson
durata 131'
sceneggiatura Andrew Knight, Robert Schenkkan, Randall Wallace


Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione