Warcraft - L'inizio - Recensione

Il medievale regno di Azeroth sta per essere invaso da un’orda di orchi guerrieri guidati dal perfido Gul’dan. I due opposti mondi ospitano anche degli eroi che si vorrebbero opporre alla guerra, il cavaliere Anduin Lothar e il capoclan Durotan. E’ in gioco il destino di due popoli e delle loro famiglie. “O sei temuto o alimenti”. Un nuovo franchise action fantasy, tratto dall’omonimo videogioco creato nel 1994. La pellicola è diretta da Duncan Jones, figlio di David Bowie e regista di due piccoli cult sci-fi come Moon (2009) e Source Code (2011). Il film inizia con una soggettiva da orco che lascia presagire sia il punto di vista eletto dall’autore, ma subito il passaggio del portale riporta a uno sguardo oggettivo e a una visione umanista. Al centro del conflitto non c’è quindi l’azione, ma viene posto l’individuo, di qualsiasi razza esso sia, e il pesante prezzo che paga. Un cattivo c’é, ma manca la netta divisione tra Bene e Male, perché invasione fa rima con disperazione. L’opera stupisce anche per il superbo design.
Grazie a ricorrenti e intensi primi piani, la magistrale CGI utilizzata, è la dimostrazione che si può creare una sintonia emotiva anche con i personaggi digitali. La motion capture è ormai prossima a un fotorealismo umano, e perfetta in ogni minimo dettaglio. Particolari minuziosi, oggetti e panoramiche naturaliste, spesso lasciano a bocca aperta. Jones, dribbla banalità e sbandi spaccatutto da prodotto mainstream, e non si lascia stritolare dall’immenso budget. Certo l’epica si affaccia solo in qualche scorcio, la mitologia rimane evocata e alcuni personaggi sono confusi e poco riusciti (il Guardiano, interpretato da Ben Foster), ma, lasciate da parte ogni pregiudizio voi che guardate. Vista la sua “liquida” e ludica origine, “Warcraft - L’inizio” va oltre le aspettative, convince e diverte. Da sospetta boiata pazzesca a piacevole intrattenimento, chi l’avrebbe detto. VOTO 6+  TRAILER

Scheda tecnica
titolo originale Warcraft - The Beginning
genere azione, fantastico, avventura, epico
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d'America
cast  Travis Fimmel, Toby Kebbell, Ben Foster, Dominic Cooper
regia  Duncan Jones
durata 123'
sceneggiatura Duncan Jones, Charles Leavitt

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione