Tempo di divertimento - Play Time - Capolavoro



Film francese diretto da Jacques Tati e ambientato in una Parigi del futuro dominata dal caos tecnologico. Trama: Un gruppo di stranieri arriva in un’ultramoderna Ville Lumière, poco caratteristica e molto internazionale, nella quale incontrano gli abitanti, e dove si muove, confuso e sbigottito, il personaggio più noto interpretato dal regista: monsieur Hulot. Tutti i protagonisti però, si ritrovano ben presto in un’azienda che in realtà è una prigione di vetro in cui la trasparenza è solo un’illusione... L’architettura di questo mondo, inoltre, abbatte i confini tra privato e pubblico, interiore ed esteriore e vira verso un’impersonale standardizzazione che rischia di uccidere l’identità. Il regista ci mostra, infatti, degli esseri umani che si muovono come automi, ripetono gesti meccanici e sono ormai condannati a uniformarsi. Prima che l’umanità rimanga bloccata in una rotonda-giostra, Tati ci aiuta a comprendere meglio quella meravigliosa creatura che è l’uomo; come da lui stesso dichiarato: “Playtime è un’arringa a favore dell’individuo”. Il comico d’oltralpe inscena così un’inesorabile catena di equivoci con sottile ironia, distaccata e bonaria, ma mai sarcastica, con la quale sembra suggerirci che la vita va vissuta con più sorrisi e poesia.

Le persone oggi parlano troppi linguaggi, non si capiscono più e le parole contano sempre meno, specie in un’epoca nella quale raramente esprimono la sincerità. L’invadente e continuo inquinamento acustico impedisce agli essere umani di comunicare; spesso i dialoghi sono, infatti, incomprensibili. Una realtà caotica destinata all’autodistruzione come il Royal Garden, ristorante snob in cui è ambientata la seconda parte dell’opera. Luogo simbolo di disgregazione sociale, nel quale però ogni barriera razziale e culturale sarà annullata grazie alla musica e alla danza, in una parola, con l’arte. A causa della sbadataggine di Hulot e degli altri clienti, il locale sarà lentamente distrutto, permettendo ai suoi avventori di ridefinire lo spazio abitato verso una dimensione più umana. Uno dei film comici più costosi della storia del cinema, che richiese tre anni di lavorazione, uno dei quali solo per il montaggio sonoro(!), e portò il suo autore vicino alla bancarotta. Con PT, Tati attacca il mondo dell’apparire in cui nulla più è solo ciò che sembra, e tra meccaniche ripetizioni e raffinate sospensioni, gira il suo CAPOLAVORO. TRAILER       CLIP

Curiosità
1)     Primo film francese della storia a essere girato in 70mm. Restaurato nel 2014 in formato digitale 4K, e già nel 2002 reintegrato delle sequenze tagliate nella versione del 1979, in cui erano stati tolti 25 min. e tagliati i bordi delle inquadrature per portarlo in formato 35 mm (sic!).
2)     Il personaggio del presidente della società è interpretato da Henri Piccoli padre dell’attore Michel Piccoli.
3)     Per creare il set fu costruita un’intera città soprannominata “Tativille”, edificata sui 15.000 m² di un terreno abbandonato a Bois de Vincennes. La struttura doveva essere riutilizzata come scuola di cinema, ma le autorità non concessero i permessi necessari.
4)     Le turiste americane erano interpretate dalle mogli dei funzionari dell’ambasciata U.S.A. a Parigi.


Scheda tecnica
titolo originale Play Time
genere commedia
anno 1967
nazionalità Francia, Italia
cast Jacques Tati, Barbara Dennek, Henri Piccoli
regia    Jacques Tati
durata 126'
sceneggiatura Jacques Tati, Jacques Lagrange e Art Buchwald


Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione