Il corvo - CULT


Tra le cupe mura bagnate di una città ostile e decadente, si aggira un pallido spettro dal ghigno beffardo. E’ Eric Draven (Brandon Lee), rockettaro dark ucciso la notte di Halloween insieme all’amata Shelly, proprio alla vigilia delle loro nozze. Un anno esatto dopo, Eric risorge dalla tomba, e accompagnato da un misterioso corvo va in cerca di vendetta. Se la trama sembra esile e tronfia di stereotipi, così non è per la traduzione su schermo, avvolta da un’aura oscura e magnetica che rapisce lo sguardo. Cult imprescindibile per tutti i giovani degli anni ’90, ma anche fiaba dark, revenge movie, opera rock, thriller-horror. Le definizioni si sprecano, per quello che viene considerato il film più romantico e “maledetto” del decennio. Pellicola del 1994 tratta dall’omonimo fumetto di James O’Barr, che a suo volta si era ispirato al poeta dell’orrore Edgar Allan Poe. “Il corvo” è un prodotto di genere a basso budget, ma ha una coerenza stilistico-visiva degna dei migliori e blasonati autori.

Debutto mainstream alla regia per Alex Proyas, che dirige con uno stile da videoclip, frenetico e aggressivo, sommerso da una pioggia incessante. Ancor oggi rimane una trasposizione cinematografica dal fascino sottile, quasi perverso, enfatizzato dall’atmosfera gotica e dalla tragica identificazione con il dramma reale che ha colpito il protagonista. Il 31 marzo 1993, a soli 28 anni, il figlio di Bruce Lee muore per l’emorragia interna causata da un proiettile partito per sbaglio, mentre girava una scena violenta. Per completare la lavorazione, per la prima volta nella storia del cinema, in diverse scene l’attore viene sostituito digitalmente. Brandon Lee ci ha lasciato per dar vita a un angelo vendicatore, ma noi lo ricorderemo sempre mentre dà forma a un corvo di fuoco, e si allontana tra le fiamme, sparendo nelle tenebre; o quando sussurra “Non può piovere per sempre”.  TRAILER

Scheda tecnica


titolo originale
The Crow
genere
fantastico, drammatico, thriller, azione, orrore
anno
1994
nazionalità
Stati Uniti d'America
cast
Brandon Lee, Rochelle Davis, Ernie Hudson, Michael Wincott
regia
Alex Proyas
durata
102'
sceneggiatura
David J. Schow, John Shirley

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione