Spectre - Recensione


L’agente 007 deve smascherare una minacciosa organizzazione. Sul suo cammino incontrerà lo stoico M (Ralph Fiennes), l’ambigua (e proustiana?) Madeleine Swann (Léa Seydoux), una sensuale vedova (Monica Bellucci), ma anche i suoi fantasmi, perché come dichiara la scritta all’inizio: i morti sono vivi. Anche in quest’avventura la trama sarà il pretesto ideale per un viaggio intorno al mondo tra Roma, Tangeri, i deserti del Sahara e of course Londra. Questa 24° puntata chiude la quadrilogia iniziata nel 2006 con “Casino Royale”, e tira le fila della “versione Daniel Craig”. E’ aperta ufficialmente la caccia al successore. Un ritorno alle origini e a un cinema classico dichiarato sin dai titoli di testa, nei quali, oltre alle anticipazioni sulla trama, si scorge anche una citazione hitchcockiana (“Io ti salverò”-1945) e un iconico Lon Chaney truccato da “Il fantasma dell'Opera” (1925). Una sigla sinuosa e vaporosa, che oltre ai falsetti di Sam Smith, delizia con chicche cinefile. Un episodio che consolida gli archetipi del mito bondiano, senza però aggiungere novità. Un bagaglio importante di citazioni, e un’eredità pesante di cliché della saga e rimandi for fans only, che a tratti rischiano di rallentare il ritmo.

La pellicola è quindi una romantica visione old-style che rischia però minor presa sul pubblico più giovane, impedendo di ripetere il successo di Skyfall. Sam Mendes sembra meno ispirato, e si appoggia all’iconografia del personaggio per comporre la direzione, gli va però riconosciuto anche qualche guizzo, come nel portentoso piano sequenza iniziale che accompagna James sui tetti di una Città del Messico in festa. Delude la caratterizzazione del cattivo interpretato da Christoph Waltz (premio Oscar per Bastardi senzagloria, Django Unchained) al quale la sceneggiatura sembra offrire ben pochi appigli per definire il suo personaggio e conferirgli spessore. Sottotono anche la parte finale, che corre dietro a un banale countdown e a un colpo di scena telefonato, per terminare, esausta, su uno scontro finale di maniera. Nulla di nuovo quindi, ma un film talmente vecchio stile e nostalgico, da essere elegante. Lunga vita a 007. VOTO 6,5 TRAILER
  
Scheda tecnica
titolo originale
Spectre
genere
Spionaggio, Thriller
anno
2015
nazionalità
Regno Unito, U.S.A.
cast
Daniel Craig, Christoph Waltz, Léa Seydoux
regia
Sam Mendes
durata
148'
sceneggiatura
John Logan, Neal Purvis, Robert Wade, Jez Butterworth
 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione