Il viaggio di Arlo - Recensione


Cosa sarebbe successo se il meteorite che 66 milioni di anni fa colpì la Terra, provocando l’estinzione dei dinosauri, non avesse centrato il nostro pianeta, ma l’avesse solo sfiorato? I grandi lucertoloni avrebbero continuato a vivere con usi sempre più simili all’essere umano, che viceversa avrebbe sviluppato il suo lato animale. Questa è la visione alternativa dell’ultima produzione Disney, che narra le vicissitudini di Arlo, un dinosauro gracile e codardo, che deve trovare la strada verso casa insieme a un amico umano. Un film dalla tormentata gestazione produttiva, la cui uscita è stata rimandata di ben due anni, e che ha avuto la sfortuna di uscire nello stesso periodo di “Inside Out”, dovendo quindi sostenere un paragone pesante. Una pellicola che certo non raggiunge le vette dei capi d’opera Pixar, ma che porta con sé un’ode alla famiglia, tanto semplice quanto bella, e un’esortazione: ognuno di noi deve guadagnarsi il modo di lasciare il proprio segno (leggi impronta) nel mondo.
Note dolenti: all’inizio Arlo appare talmente goffo e sfigato da risultare insopportabile, i personaggi sono più adorabili che memorabili, manca una storia di peso e nuova; il tema del “back to home” esperienziale era già presente in “Nemo” e “Toy Story”. Alcune sequenze, inoltre, sembrano aggiunte e non funzionali al racconto, come l’incontro col triceratopo e la scena delle bacche allucinogene. Il design di umani e dinosauri non spicca per originalità, ma i background sono stupefacenti. Impressionante il fotorealismo dei paesaggi in CGI, talmente credibili da donare al film un’anima naturalista. I particolari di luoghi e panorami, creati dagli artisti dell’animazione Pixar, sono straordinari, su tutti mi ha colpito l’elemento acqua, che sembra proprio qualcosa che si possa bere. Davvero un buon prodotto per bambini e famiglie, ma anche gli adulti potranno godersi l’avventura attraverso la componente psicologica e il coraggio di riconoscere e affrontare le proprie paure. Un piacevole intrattenimento che riesce anche ad emozionare. Niente male…VOTO 6,7 TRAILER

Scheda tecnica

titolo originale
The Good Dinosaur
genere
animazione
anno
2015
nazionalità
U.S.A.
regia
Peter Sohn
durata
100'
sceneggiatura
Enrico Casarosa, Bob Peterson

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione