Gran Torino - Capolavoro


Clint Eastwood, negli anni zero (2000-2009) ha diretto, e ci ha regalato, ben tre capolavori, una media da record e da fuoriclasse: “Mystic River” (2003), Million Dollar Baby (2004), e “Gran Torino” (2008). Sceglierne uno da mettere in una classifica, significa fare un torto agli altri due, ma c’è un però. Di questi grandissimi film, l’unico che non ha avuto i meritati riconoscimenti (completamente ignorato agli Oscar!), è “Gran Torino”. La storia: Walter Kowalski (Eastwood) è un anziano vedovo, burbero e misantropo, che vive a Detroit in un quartiere violento e multietnico. Ex reduce della guerra in Corea (1950-53) ed ex operaio della Ford, di cui possiede un modello Gran Torino del ’72, ha come unica compagnia il suo cane. Odia però i vicini asiatici, con cui ha uno scontro d’ideali e convinzioni, che lo porterà a confrontarsi con una nuova realtà, che è meno diversa di quanto pensi.
Un’opera scandita da un’ironia beffarda, che la sua maschera da duro dai modi spicci, rende sublime, e da inquadrature semplici ma dense, talmente palpitanti passione e saggezza, da risultare quasi spirituali. Senza dubbio si tratta del suo testamento autoriale ed etico, un racconto morale, in cui spicca il valore più importante: quell’onestà, che Eastwood ha sempre avuto verso il suo pubblico. Un film potente e già classico, dalla struttura narrativa tanto lineare quanto stratificata nei significati, e dai temi alti: razzismo, religione, solitudine, e immancabile, il rapporto padre-figlio. Eastwood è ormai un’icona, un mito vivente, la memoria di un cinema che ormai non c’è più, ma che anche grazie a lui continueremo ad amare, con nostalgia, per sempre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione