Arca russa - Capolavoro


Diretto da Aleksandr Sokurov, è un film di produzione russa del 2002, che si è ritagliato un posto nella storia del cinema grazie alla sua unicità tecnico/artistica. E’, infatti, una vera e propria prova di forza contro le regole della settima arte, che il regista ingaggia, girando l’intero film con un unico piano sequenza, lungo tutta l’opera. Avete capito bene, senza stacchi, e ambientandolo tutto in un ambiente chiuso, il Museo dell'Hermitage, a San Pietroburgo. 90 minuti girati il 23 dicembre del 2001, con centinaia di attori e migliaia di comparse, tutte in costume d’epoca, e una steady-cam digitale, costruita ad hoc per l’impresa.

Un kolossal storico, ma anche visionario e sperimentale, con ampio uso di filtri deformanti, che attraversa la Storia russa, con gli occhi di un personaggio senza nome (un alter ego del regista?) che incontra (in sogno?) i grandi personaggi del passato: Pietro il Grande, l'imperatrice Caterina II, e vari zar. “Arca russa” è un viaggio onirico, sospeso tra il documentario culturale e l’opera d’avanguardia, che amplia i confini del voyerismo dello spettatore, con un quadro surreale e un fiume d’immagini dinamiche e ricche, che creano un’inedita dimensione visiva. Viva il CINEMA!

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione