Il cliente - Recensione

A Teheran vivono Emad e Rana, una coppia di attori che porta in scena “Morte di un commesso viaggiatore” di Arthur Miller. Causa l’imminente crollo del palazzo in cui vivono, i due si trasferiscono in una nuova casa. Una disattenzione, però, costringe Rana a subire un atto di violenza che metterà a dura prova certezze e valori, scatenando una serie di tragici eventi. Il nuovo film dell’iraniano Asghar Farhadi (Una separazione, Il passato) è ancora un “cinema di frontiera”, perché indaga il sottile confine tra giustizia e vendetta, vittima e carnefice. Nelle pellicole del cineasta, infatti, non esistono buoni e cattivi, ma solo esseri umani che come tali sbagliano. È incredibile l’abilità del regista nel trasformare dei piccoli gesti quotidiani nelle sliding doors del destino dei suoi personaggi. Il film è un thriller che esaspera i rapporti affettivi instaurando nello spettatore un’etica inquietudine.
Un’opera preziosa che parla di pudore e vergogna, sentimenti, purtroppo, sempre meno conosciuti in Occidente, come i forti dilemmi morali che scuotono i protagonisti. Il cliente, tuttavia, è anche sottile critica sociale dei retaggi culturali di un Paese, simbolicamente rappresentato da un condominio dalle fondamenta traballanti. E’ lo scontro di due visioni (maschile e femminile), due diversi modi di vivere i rigidi ruoli che impone la società. La doppia chiave di lettura del teatro-vita, invece, in alcuni snodi appare artificiosa, provocando dei cali di ritmo. E’ la storia di  una donna e un uomo nel controverso cammino che li porta a un comune disagio interiore; un percorso di sofferenza che stressa le dinamiche emotive e sociali imponendo una dolorosa mutazione. Non rimane che andare avanti, comunque in scena, ma il trucco c’è e si vede…VOTO 7+  TRAILER

Scheda tecnica
titolo originale  Forushande
genere  drammatico
anno 2016
nazionalità Iran
cast Taraneh Alidoosti, Shahab Hosseini, Babak Karimi
regia  Asghar Farhadi
durata 125'
sceneggiatura Asghar Farhadi

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione