Arrival - Recensione



Louise Banks (Amy Adams) è una linguista di fama mondiale che insegna all’università. Un giorno atterrano dodici Ufo sparsi in altrettanti luoghi del pianeta, e la docente viene assoldata, insieme al fisico Ian Donnelly (Jeremy Renner), dal colonnello Weber (Forest Whitaker). I due studiosi saranno a capo di un team di scienziati che cercherà di entrare in contatto con gli alieni per comprendere il motivo della loro visita. Unici simboli per comunicare, molteplici variazioni di un cerchio…Un incipit di chiara matrice esistenziale ci consegna la cifra dell’opera: un dramma sci-fi che attraversa le coordinate spazio temporali di cuore e mente…Un mix di due generi, coraggiosamente sospeso tra scienza e spiritualità, che il regista Denis Villeneuve dirige con essenziale umanismo, costruendo un’estetica funzionale e ricercata che lascia parlar le immagini ancor prima delle parole. La protagonista, infatti, vessata da perpetue suggestioni luttuose, riempirà i silenzi d’interni grigi e spogli con sensazioni forti e momenti indimenticabili.

Eppure, in questa sofisticata atmosfera visiva, s’inserisce qualche archetipo da blockbuster: la sequenza bombarola, la scontata rappresentazione dei media, un repentino e concitato gesto che in un sol colpo salva l’intero globo. Sono, tuttavia, piccoli strappi in una tela dall’intreccio denso, nella quale tutti i fili narrativi si alzano al passaggio delle trame più pregiate. Si pensi, ad esempio, alla citata teoria che spiega come ogni lingua influenzi non solo l’aspetto relazionale, ma anche il nostro modo di percepire la realtà, costringendoci spesso a mutar prospettiva.  Un tramite elegante per evidenziar l’importanza di un costruttivo dialogo fra diverse etnie, finalizzato alla reciproca comprensione. Arrival è un film affascinante e coinvolgente, che s’inserisce nel filone di una fantascienza matura che rispolvera temi classici: la guerra fredda, la rincorsa al consumismo, la paura del diverso. Tendenze di pensiero che si pensava ormai appartenessero ad altre epoche sono, purtroppo, ancor attuali. VOTO 7+ TRAILER



Scheda tecnica
titolo originale  Arrival
genere  fantascienza
anno 2016
nazionalità Stati Uniti d’America
cast Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker:
regia  Denis Villeneuve
durata 116'
sceneggiatura Eric Heisserer

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione