Io, Daniel Blake - Recensione

Gran Bretagna, Daniel è un vedovo alla soglia dei sessant’anni che, reduce da un infarto, cerca l’aiuto dello Stato per tirar a campare. Una “professionista della sanità” però, nega a Blake il sussidio di disoccupazione, e lo obbliga a cercarsi un lavoro. L’ex carpentiere dovrà scontrarsi con funzionari statali intimidatori e un sistema totalitario che calpesta i suoi diritti. Ken Loach rifà se stesso, e a 80 anni si conferma un maestro dallo stile asciutto e tradizionale, avverso all’evoluzione. La granitica coerenza di un autore da sempre dalla parte dei più deboli è il maggior pregio del film, ma anche il suo più grande limite. Chi conosce le sue opere si ritroverà condotto per strade già battute, e dinanzi a una visione abbastanza prevedibile. Gli schemi, seppur presenti, non ingabbiano il vigore artistico di un regista che non si limita a denunciare ma, da sempre, lotta a muso duro contro la freddezza dei diabolici ingranaggi della burocrazia statale e l’indifferenza sociale.
In quest’opera se la prende pure con la rivoluzione digitale, che “inquina” anche il mondo del lavoro, generando mostri e raffreddando i rapporti umani; e anche la sola pronuncia delle parole “on line”, qui, assume un significato sinistro. Etica e predica convivono in una complice simbiosi, provocando doverose riflessioni e pure qualche rigurgito di buonismo. Elementi che certamente avranno convinto la giuria di Cannes ad assegnare a questo lungometraggio una (eccessiva) Palma d’oro. D’altronde, è impossibile non lasciarsi colpire emotivamente da scene strazianti di quotidiana umiliazione che, sommate a un finale dall’impeccabile rigore formale e testuale, confermano la lacerante poetica di un “artista contro”. VOTO 7  TRAILER



Scheda tecnica
titolo originale I, Daniel Blake
genere  drammatico
anno 2016
nazionalità Regno Unito, Francia
cast Hayley Squires, Natalie Ann Jamieson
regia  Ken Loach
durata 100'
sceneggiatura Paul Laverty

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione