Addio al linguaggio - Recensione



Il regista francese Jean-Luc Godard, a 84 anni suonati, si conferma sperimentatore e innovatore, con quest’opera che vuole sradicare le convenzioni del Cinema, sfidandone la Natura attraverso la Metafora. Un’audace sperimentazione, che per genuina curiosità, mette a zittire tanti giovani talentuosi (o presunti tali) registi “moderni”; e se qualcuno mette ancora in dubbio la smania cinefila del maestro JLG, lui diventa cinofilo! Via libera dunque a provocazioni concettuali e sonore: grandi scritte a tutto schermo, seguite da musica ossessiva, accompagnate da momenti intimi financo scatologici. L’unico elemento tangibile in termini di trama, a raccontarlo, sembra l’incipit di una barzelletta: ci sono una donna, un uomo, e un cane…eppure, l’esito è uno scontro frontale tra forma e contenuto, con al centro uno spettatore sempre più confuso e trascinato in un flusso torrenziale d’immagini. Fotogrammi di celluloide si fondono con filmati digitali: gonfiati, deformati e alterati, da un 3D finalmente funzionale e geniale, che sovrapponendo più frame crea significato. Forme uniche o loro versioni alternative, come accade ai protagonisti della querelle amorosa.

Un film che dice: “oggi tutti hanno paura”, che corpo e visione sono le armi improprie a uso e abuso dell’essere umano del terzo millennio, sempre più inconsapevole regista della propria finzione di vita. Non a caso la protagonista si chiede: "Vivere o raccontare?". Un magma liquido e pulsante di riflessioni filosofiche, erranti meditazioni e citazioni artistiche, che travolgono e sorprendono insieme all’imprevedibile montaggio visivo e sonoro. Godard, non solo nel finale, ma già nei titoli di testa, sulle note di Lotta Continua  ('II potere agli operai! No alla scuola del padrone! Sempre uniti vinceremo, viva la rivoluzione!'), sembra dire allo spettatore che deve ritornare sui suoi passi, e rinascere, per ritrovare immaginazione e stupore. Capolavoro. VOTO 10

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione