Spring Breakers - Recensione

Quattro studentesse rapinano un fast-food per pagarsi le vacanze di primavera (Spring Break), tra un party e l’altro, sesso, droga e alcool, incontrano il gansta-rapper Alien (James Franco), che le aiuta: a peggiorare le cose. In sintesi, le disavventure di un gruppo di lolite edoniste inguainate in bikini perenni, fatte e annoiate, che confondono superficiale con spirituale (sic!). Sorprende la presenza di due ex reginette del Disney Club: Vanessa Hudgens e Selena Gomez; una svolta di carriera radicale. Un viaggio nel declino morale, tra assalti armati in passamontagna rosa shocking e assolo al piano su musica di Britney Spears (!); la miglior scena scult rimane però la fellatio con silenziatore di James Franco…
Il regista Harmony Korine, tra eccessi audiovisivi e provocazioni sessuali, stordisce e a volte annoia, ma la sua analisi non è mai gratuita, e spesso interessante. La diagnosi è certa, l’America (e non solo) soffre del “male di apparire”, che genera mostri da social-reality, e vede svanire il buonismo dei suoi sogni, dietro a masse deformi di corpi patinati e tamarri. VOTO 6+

Commenti

  1. allora lo hai visto!!!all'ultima mostra è stato uno schiaffo in pieno viso , dei film in concorso.le attrici non sono un granchè ma franco fa sempre la sua figura, indubbiamente è bravo qualsiasi parte faccia, anche lo svogliato oz.questa è la peggio gioventù dell'america, dove lo "zucchero" ha il sapore di coca e i sogni si sono infranti da già un pò contro il muro dei soldi e delle possibilità che paiono illimitate.è un ritratto impietoso dell'americaoggi.in definitiva è un film che mi è piaciuto, anche se a tratti è noioso/irritante.

    RispondiElimina
  2. Si l'ho visto! Era infatti dalla mostra di Venezia che lo attendevo con curiosità; e anche se è stata ripagata solo in parte, rimane comunque un "film contro", di cui ogni tanto c'è bisogno...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione