127 ore - Recensione

Un solo personaggio in un solo ambiente, un esercizio di stile che richiede molta abilità per poter “riempire” i 90’ minuti del film: cosa buona e giusta in questi casi, è lavorare di fino sulla sceneggiatura, sul protagonista, sulle azioni e le conseguenze della sua vita al limite; questo però, viene fatto solo in piccola parte. Un istrione dell’immagine come Danny Boyle, dovendo scegliere tra forma e sostanza, ha ovviamente optato per la prima, dando libero sfogo a tutto il suo virtuosismo tecnico e artistico: eccedente uso di split screen, scontati ralenti, e un uso funzionale/strumentale di una musica a dir poco eclettica, spesso troppo invasiva; se a questo si aggiunge pure una delle migliori scene della storia del cinema di product placement…Una buona fotografia, un ottimo James Franco e le scene dei ricordi di famiglia (che suonano false e poco coinvolgenti), purtroppo non bastano a sopperire all’ego smisurato del regista, che invece stempera le emozioni di una storia vera, che avrebbe meritato mano più sensibile. VOTO 5,5

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione