La isla minima - Recensione

Spagna, 1980. Da pochi anni si è conclusa la dittatura franchista e la democrazia sta facendo le prove di sopravvivenza. A sud, in una sperduta zona paludosa dell’Andalusia, due sorelle spariscono. Arriva una coppia di poliziotti da Madrid a indagare: Pedro giovane ma deciso, e Juan più anziano e duro. Tra omertà, insabbiamenti e un serial killer diabolico, i due detective dovranno risolvere il caso e dimenticare un passato ingombrante. Gli investigatori, così diversi tra loro, rappresentano i due opposti sentimenti popolari di quel periodo storico carico di tensioni sociali. Animi in tumulto, che però riuscirono a rimanere uniti per il bene comune. Sin dalle prime inquadrature, delle spettacolari riprese aeree del labirinto d’acqua della palude, la regia adotta un ampio punto di vista, che lascia presagire un’ambiziosa ricchezza di tematiche nella trama. “La isla minima” è uno dei rarissimi noir europei, e vincitore di ben 10 Premi Goya, gli oscar del cinema spagnolo. Un giallo torbido e solido, che affascina e inquieta, anche solo sfruttando l’inospitale ambientazione. Un paesaggio rurale e misterioso, che con le sue atmosfere malsane, diventa anch’esso personaggio.
In questa sacca stagnante di umanità, l’arretratezza culturale, la chiusura mentale e fisica si combattono col desiderio di libertà, ma a evadere dalla prigione si rischia la vita. Una pellicola di genere che ricorda, per fattura e soggetto, alcune recenti produzioni anglofone. Il rigido tratteggio dei protagonisti, tuttavia, manca di generare empatia con lo spettatore, e la metafora politica è frammentaria. Il mistero da risolvere poggia su schemi polizieschi abusati, ma la livida messa in scena e alcuni squarci allucinatori producono suggestioni visive che lasciano il segno. Al talentuoso regista Alberto Rodriguez consigliamo di trovare una sua cifra stilistica personale, che non si limiti a riproporre gli stilemi di alcune opere d’oltreoceano. Un thriller pervaso dal pessimismo verso un mondo marcio. Ogni Storia ha la sua morale, ma questa non è una favola. Visione consigliata. VOTO 6,5  TRAILER

Scheda tecnica
titolo originale La isla mínima
genere Thriller
anno 2014
nazionalità Spagna
cast  Javier Gutiérrez, Raúl Arévalo, María Varod, Perico Cervantes
regia Alberto Rodríguez
durata 105'
sceneggiatura Alberto Rodríguez, Rafael Cobos


Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione