Il posto delle fragole - Capolavoro

Film in b/n del 1957 diretto dal maestro svedese Ingmar Bergman. Trama: Il freddo e ambiguo professor Isak Borg (Victor Sjöström, al suo ultimo film), si reca in auto insieme alla nuora all’Università di Lund, dove si festeggia il 50° anniversario della sua carriera professionale. Il cammino si rivelerà anche interiore, tra esami di coscienza e memorie lontane, incorniciati dal regista in splendidi e luminosi scenari naturalisti, con tutta la sensibilità di un grande poeta. L’opera ha anche il merito di aver fatto conoscere a livello internazionale il lirismo bergmaniano, conquistando premi ovunque.
Il protagonista è uno dei personaggi più complessi e strutturati della settima arte, attraverso i suoi dubbi sul senso della vita, noi spettatori ne scopriamo le occasioni perdute e la bellezza dei mille piccoli istanti di gioia che ci regala. Una potente e raffinata riflessione, intrisa di pessimismo, che tra incubi angoscianti e duro realismo, ci conduce alla consapevolezza di un possibile domani migliore. Un viaggio esistenziale nello spazio, nel tempo e nell’anima, sospeso tra le pieghe dei ricordi, e costruito con la stessa materia di cui sono fatti i sogni. Capolavoro grandioso e assoluto, di vibrante bellezza e inebriante cinema.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dunkirk - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione