La regola del gioco - Capolavoro

All’aeroporto de Le Bourget, atterra il pilota Jurieu che ha appena stabilito il record di traversata dell’Atlantico in 23 ore, ad attenderlo stampa, ammiratori e l’amico Octave (Jean Renoir), ma non l’amata Christine; per riconquistarla, Jurieu si fa invitare alla festa nella villa del nobile La Chesnaye, marito dell’amata! Film francese in b\n del 1939, diretto da Jean Renoir, figlio dell’omonimo e noto pittore. Opera costruita su dialoghi dalla grazia infinita, che mette in scena il trionfo della finzione mondana, con la tragica complicità tra servi e padroni. Renoir si conferma maestro della cinepresa, giocando con i registri narrativi e mixando commedia, farsa e dramma, ma anche sfruttando le potenzialità del piano sequenza, della profondità di campo, e di spazio, con improvvise panoramiche.
Due i momenti fondamentali: la sequenza della caccia, ripresa da molteplici angolature quasi fosse un documentario, con le povere bestie che fuggono verso i loro indifferenti carnefici, riassume il senso tragico del film. La scena della festa, più ironica, in cui saltano tutte le regole, tra una miriade di dettagli (fantasmi, scheletri e automi musicali), simmetrie comiche e oggetti simbolici, riflessi su specchi obliqui, tutto rigorosamente con suono in presa diretta, un vero tour de force visivo. Diretto e ambientato in piena decadenza pre-guerra mondiale; non a caso, nella simbolica sequenza finale, a rientrare in casa e nei ranghi non sono più degli essere umani, ma solo le loro ombre… Capolavoro fondamentale, talmente ricco da richiedere più visioni. Da cineteca.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il filo nascosto - Recensione

Dunkirk - Recensione