La bottega dei suicidi - Recensione

Primo film d’animazione per il 65enne regista francese Patrice Leconte, che da noi in Italia ha rischiato il divieto ai minori di 18 anni, poi revocato a seguito proteste. Il cartoon è ambientato in una città grigia, oppressa dal maltempo e soffocata dal traffico, in cui lo sport preferito è togliersi la vita. Ad “aiutare” gli aspiranti suicidi c’è la bottega gestita dalla famiglia Touvache che offre ai clienti tutto il necessaire (corde, pistole, veleni, ecc) per farla finita, e il cui motto è: “Trapassati o rimborsati”. Il film usa un disegno dai tratti decisi e dai toni dark e grotteschi, che ricorda Tim Burton e i colori delicati di Sylvain Chomet.
Purtroppo alcune facilonerie di sceneggiatura e una sterzata improvvisa di registro, da cinico a buonista, rivelano un banale schematismo. Condito da un humour nero che a volte risulta ambiguo e sconfina nel cattivo gusto, anche nei siparietti musical, più irriverenti che riusciti. Rimangono molti dubbi su un’opera a cui l’esperienza di Leconte doveva dare un carattere deciso e autoriale, e non contradditorio. Credo sarà difficile un eventuale passaggio televisivo, di conseguenza diventerà un cult introvabile, quindi chi può, lo veda.
VOTO 5,5

Commenti

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione