The Master - Recensione

 

Il marinaio americano Freddie Quell (Joaquin Phoenix) reduce di guerra del secondo conflitto mondiale, torna in patria alla ricerca di un lavoro e di un’identità. Freddie, soggiogato da alcool, istinti e paure, incontra Lancaster Dodd (Philip Seymour Hoffman), leader-filosofo di un movimento spirituale (leggi setta) che, “supportato” dalla moglie (Amy Adams), cerca seguaci. Titolo originale perfetto, perché sfrutta il duplice significato di maestro/padrone, visto che i tre protagonisti sono legati da un rapporto di dominio fisico e mentale.  Magistrali le interpretazioni, superba la fotografia, densa e avvolgente la musica di Jonny Greenwood dei Radiohead.

Un racconto complesso, ermetico e privo di tesi, che spesso gioca con le aspettative dello spettatore, e coi simbolismi; trainato da un linguaggio ridondante ed espressivo, che riluce di enfasi visiva in un maestoso 70 mm. Un film ambiguo e stratificato, non facile da assimilare, che offre più domande che risposte, costringendo lo spettatore (finalmente) a usare il cervello. Il regista, Paul Thomas Anderson, dopo "Il petroliere" (qui recensione) e in soli sei titoli, è passato dalla coralità di Altman (Magnolia) all’eleganza algida e controllata di Kubrick, in un continuo crescendo tecnico/artistico che lo conferma come uno dei massimi esponenti contemporanei del cinema americano.
VOTO 7/8

Commenti

  1. a me purtroppo non è piaciuto per niente, specialmente Phoenix che non recita, gigioneggia, almeno in lingua originale, con corollario di smorfie varie.Hoffman è bravo come sempre, la Adams ininfluente.Mi ha lasciato la sensazione di qualcosa di incompiuto,poteva essere un gran film...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' solo la fine del mondo - Recensione

Vi presento Toni Erdmann - Recensione